CRUISIN’ top sponsor del ForumClub presenta Spring Energy
2 febbraio 2017
Mostra tutto

SPRING ENERGIE Vs STEP

Una pedana morbida, basculante e molleggiata, che nella forma ricorda il suo antenato, ma nella sostanza e nella funzionalità ti fa approdare su un altro pianeta.

La differenza sostanziale, ideata e voluta da un gruppo di docenti di Scienze Motorie di Verona sta nel piano d’appoggio che, non più rigidamente collocato sul pavimento, è sostenuto da quattro molle, dei veri e propri ammortizzatori creati per ridurre gli impatti provocati dall’allenamento sullo step tradizionale rigido.

Grazie alla sua flessibilità è possibile sviluppare con lo  Spring Energie una serie infinita di attività oltre all’uso dell’attrezzo come un normale step. La presenza delle molle limita i microtraumi a caviglie, ginocchia, anche  e colonna vertebrale, in quanto buona parte dell’energia è assorbita dalle strutture elastiche, rendendo qualsiasi movimento meno stressante per le articolazioni.

A questo vantaggio diretto se ne aggiunge un secondo. La leggera d’instabilità del piano d’appoggio sollecita il senso dell’equilibrio e la sensibilità propriocettiva, consentendo un migliore controllo dei movimenti e una perfetta reattività dei muscoli.

 

L’ALLENAMENTO TIPO:

Con lo Spring Energie si possono adottare diversi tipi di training: dalle discipline di fitness musicale fino a programmi per la terza età o per chi arriva da una vita particolarmente sedentaria.

Il programma di allenamento capace di esaltare tutte le potenzialità dello spring enegie è certamente XTEMPO ENERGY che manifesta in toto la sua duttilità, efficienza e funzionalità, adattandosi perfettamente alle richieste del workout che grazie allo spring energie raggiunge il suo massimo obiettivo.

 

BENEFICI:

La parziale instabilità dello Spring Energie, oltre ad aumentare il numero di fasce muscolari impiegate nello sforzo, incrementa la reattività dei singoli muscoli e la flessibilità dei tendini.

Gli esercizi tradizionali consentono di svolgere l’attività aerobica coreografica, facilitando il dimagrimento generale, sviluppando una notevole tonicità dei muscoli addominali, degli arti inferiori e dei glutei.

L’esercizio stimola forza, elasticità, coordinazione ed equilibrio. Inoltre, trattandosi di un’attività aerobica, l’allenamento con lo Spring Energie migliora le funzioni generali dell’apparato cardiorespiratorio.

 

A CHI E’ CONSIGLIATO L’UTILIZZO DELLO SPRING ENERGIE

Chiunque può allenarsi con lo step elastico. Uomini e donne senza limiti di età, valutando dapprima l’intensità più idonea al proprio livello di preparazione atletica.

In particolare è indicato per chi desidera migliorare i margini di sicurezza, riducendo lo stress articolare causato da una pratica intensa su un supporto rigido e a coloro che amano unire  le discipline coreografiche musicali per incrementare il consumo calorico e tenere alto il metabolismo, migliorando nel contempo equilibrio e coordinazione.

 

 

I RISULTATI DELLA RICERCA SCIENTIFICA REALIZZATA, ANALIZZANDO E CONFRONTANDO LE MODALITÀ D’USO DEI SOGGETTI SUI DUE TIPI DI STEP DIFFERENTI, QUELLO RIGIDO TRADIZIONALE E QUELLO MOLLEGGIATO DELLO SPRING ENERGIE.

 

Sono stati valutati i seguenti parametri: consumo di ossigeno e di anidride carbonica, ventilazione polmonare e consumo energetico (METs); battiti cardiaci; le forze verticali a terra, nei passi, nella deambulazione e nei salti; le traiettorie sul piano sagittale di ginocchio e caviglia nei passi, osservando in particolare gli angoli che vengono a formarsi tra le due articolazioni. Le conclusioni sono state le seguenti:

1 – utilizzando lo ‘step molleggiato’ è possibile raggiungere un consumo di ossigeno e, di conseguenza, spesa energetica maggiore che con lo step tradizionale.

2 –  la frequenza cardiaca è significativamente superiore nell’uso dello Spring Energie.

3 – i tempi di esecuzione dei passi e la distribuzione dei tempi fra appoggio e volo, nell’uso dei due diversi attrezzi, sono uguali in tutte le condizioni, ma rispetto allo step rigido con lo Spring Energie, scendendo dall’attrezzo vi è un ammortizzamento superiore nell’impatto con il terreno, cioè una minore forza verticale dovuta al maggiore assorbimento durante l’impatto di energia elastica che viene distribuita poi lungo tutto l’appoggio.

4 – Per quanto concerne la traiettoria sul piano orizzontale del ginocchio dell’arto usato nel passo base, nello step classico il suo cambio di senso forma uno spigolo motorio di difficile assorbimento per le strutture osteo-articolari, mentre con lo Spring Energie l’inversione della traiettoria si realizza con un cambio di direzione, che tende a evitare picchi di carico a livello articolare.

 

RISCHI O LIMITI CONNESSI ALLA SUA PRATICA

Gli accorgimenti tecnici previsti da questo attrezzo riducono drasticamente i rischi connessi all’utilizzo, e lo rendono maggiormente idoneo anche a coloro che si trovano in condizione di sovrappeso o soffrano di patologie connesse a caviglie, ginocchia, schiena. Naturalmente, in questi ultimi casi, l’intensità del lavoro deve restare ovviamente bassa ed è bene, prima di iniziare l’attività, parlarne con il proprio medico di fiducia. Con queste necessarie precisazioni, lo Spring Energie può essere ritenuto un attrezzo e una disciplina ultrasicuri.